Scala dei Turchi: individuati gli autori del raid vandalico


Individuati gli autori dello sfregio alla Scala dei Turchi, falesia candidata a diventare patrimonio dell’umanità Unesco.


I carabinieri della compagnia di Agrigento sono riusciti, nell’arco di 48 ore, ad identificare gli autori del raid vandalico che, nella notte fra venerdì e sabato, ha deturpato la scogliera di marna bianca della Scala dei Turchi di Realmonte (Agrigento).

Poi era stata ripulita da alcuni volontari. La falesia, candidata a diventare patrimonio dell’umanità Unesco, era stata imbrattata con polvere di ossido di ferro rossa.

La Procura di Agrigento aveva subito aperto un fascicolo, inizialmente a carico di ignoti, per l’ipotesi di reato di danneggiamento di beni avente valore paesaggistico.

“Un atteggiamento di generica e vaga contestazione nei confronti del sistema e delle Forze dell’ordine, come è dato scorgere sulle pagine dei social” di uno dei denunciati dai carabinieri di Agrigento. Lo afferma il procuratore della Città dei Templi, Luigi Patronaggio, sulle indagini che hanno portato all’identificazione dei due presunti autori del danneggiamento alla Scala dei Turchi di Realmonte.

“Uno dei due – rivela il magistrato – ha diversi precedenti giudiziari e di polizia, compreso un attentato alla metropolitana di Milano e un altro alla Valle dei Templi di Agrigento, e un’altra azione di danneggiamento ai danni della marna di Punta Bianca. Risulta essere già stato sottoposto a misura di prevenzione e da ultimo nuovamente riproposto (proposta tuttavia rigettata dal Tribunale di Palermo) ed è in atto sottoposto al divieto di avvicinamento ad Agrigento disposto dalla Questura”.

“Come prove a carico dei due denunciati – spiega il procuratore di Agrigento – i militari dell’Arma hanno addotto le immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza dei luoghi e l’esito delle disposte perquisizioni domiciliari. Il materiale probatorio raccolto deve essere ora valutato dal pm procedente e successivamente dal giudice competente, ferma restante la presunzione di innocenza per entrambi gli indagati”. Il procuratore Patronaggio si è “personalmente complimentato con il comandante della compagnia dei carabinieri di Agrigento, il maggiore Marco La Rovere per la tempestività delle indagini”.


Scala dei Turchi già ripulita da volontari: marna torna a risplendere [FOTO]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.