Rapine in banca, Sicilia da incubo: a Catania record italiano rischio


Catania prima per indice di rischio, nonostante si evidenzi un calo di rapine nelle banche. Tre città siciliane tra le prime cinque del Paese.


È stato elaborato uno studio della FABI di Palermo sulla scorta del Rapporto Intersettoriale sulla Criminalità Predatoria 2022 dell’Ossif (il Centro di ricerca ABI sulla sicurezza anticrimine), che evidenzia un calo delle rapine a danno delle banche, ma con forti differenze sui territori.

I dati recentemente diffusi nel report 2022 dell’Ossif fanno riferimento al 2021 ed evidenziano una diminuzione del 26,9% rispetto al 2020 (da 119 a 87). Da sottolineare invece la crescita dell’ammontare medio per evento che nel 2021 ha subito un’impennata risultando pari a quasi 51.000 euro, valore ben superiore ai 39.500 euro registrati nel 2020 e quasi doppio rispetto ai 26 mila euro del 2012.



«Ci sono grosse differenze territoriali – afferma Gabriele Urzì Segretario Provinciale FABI e Responsabile Salute e Sicurezza FABI Palermo – e la Sicilia è al terzo posto per numero di rapine (16) dopo la Lombardia (20) e il Lazio (anche qui 16) e, purtroppo, è al primo posto se si considera il livello di rischio con un valore di 1,4 rapine ogni 100 sportelli (rispetto al 1,5 del 2020).



Entrando nello specifico dei territori, con un occhio all’Isola, dopo Roma (16 colpi) e Milano (10), troviamo al terzo posto Catania con 8 rapine (erano state 6 nel 2020). Brutte notizie per Catania, Messina e Caltanissetta anche osservando l’indice di rischio (rapine ogni 100 sportelli): al primo posto troviamo Catania (3,4 rapine ogni 100 sportelli), seguita al secondo posto da Messina (2,0 colpi ogni 100 sportelli) e da Caltanissetta al quinto posto con 1,5 rapine ogni 100 sportelli Riguardo agli orari, nel 2021, quasi un quinto dei colpi è stato messo a segno tra le 13,00 e le 14,00 mentre, tenuto conto del numero di malviventi, i colpi sono stati effettuati da due nel 40% dei casi e da uno solo nel 35% dei casi.



Il 46% delle volte è stata utilizzata un’arma da taglio, il 26% armi da fuoco, il 22% minacce verbali e il 6% armi improprie o finte. Le rapine sono durate circa 3 minuti nel 38% dei casi e nel 75% degli episodi criminosi l’accesso in Banca dei malviventi è avvenuto dall’ingresso principale. Da sottolineare che nel 37,9% dei casi le rapine sono fallite. Il 29 % dei colpi è avvenuto di venerdì e nel 77% dei casi i malviventi avevano il volto travisato».



«Purtroppo, nel quadro generale di riduzione delle rapine in Banca colpisce negativamente – continua Urzì -. Occorre una migliore organizzazione della sicurezza, una più efficace strategia antirapina, sistemi difensivi sempre più sofisticati e un aumento del budget da destinare alla sicurezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.