“Premio Coraggio” a Gianni Petrosillo: “il farmacista” di Bergamo


Il farmacista, contagiato dal Covid-19, ha continuato a reperire farmaci anche dal reparto di rianimazione in cui è stato ricoverato.


“Quando mi hanno detto di questo premio mi sono meravigliato, giusto parlare di coraggio, ma non mi sento un eroe, è un riconoscimento al farmacista italiano in prima linea nell’emergenza Covid-19. Un’esperienza drammatica che ha spinto tutti noi a pensare al futuro”. Lo dice Gianni Petrosillo, presidente di Federfarma di Bergamo, coordinatore dell’apertura di tutte le farmacie di quella che è stata “zona rossa” e del reperimento dei farmaci necessari alla popolazione; finito anche lui contagiato dal Covid-19 ha continuato a farlo dal reparto di terapia intensiva in cui è stato ricoverato.

Per questa ragione, a Villa Malfitano, a Palermo, Petrosillo ha ricevuto il “Premio Coraggio Emanuela Loi”, organizzato dall’International Inner Wheel Distretto 211 Italia Club Palermo Normanna, dal presidente e dal segretario nazionale di Federfarma Marco Cossolo e Roberto Tobia.

Cosa significa essere un farmacista

“Penso a quello che rappresento come farmacista, ovvero le farmacie, le piccole farmacie e le farmacie rurali – aggiunge Petrosillo – che sicuramente sono state esempio di dovere civile e professionale nei confronti dei cittadini. È stata una prova dura, perché tutti sappiamo cosa è stato il coronavirus nella zona di Bergamo, abbiamo affrontato un periodo buio, abbiamo affrontato problemi mai visti, abbiamo dovuto improvvisare soluzioni creando una rete con l’azienda sanitaria locale, le forze dell’ordine, la protezione civile, i sindaci”.

L’esperienza durante il Coronavirus sul territorio

Una esperienza importante che ci ha insegnato qualcosa – prosegue il farmacista – la farmacia è stata vista come importante presidio sanitario nel territorio. Poi abbiamo messo a frutto quelle esperienze in chiave di prevenzione mettendo a punto un progetto per organizzare una rete per prepararci ad una eventuale fase di ritorno dei contagi. La nostra iniziativa ora è stata estesa a livello regionale e un modello che abbiamo messo a disposizione di tutte le altre Regioni italiane”, conclude il premiato Gianni Petrosillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.