Isola Ferdinandea: l’isola “siciliana” che non esiste più


L’isola Ferdinandea situata nel canale di Sicilia, tra Sciacca e Pantelleria, fu rivendicata anche da inglesi e francesi.


Nell’estate del 1831 nel Canale di Sicilia emerse l’isola vulcanica Ferdinandea, tra Sciacca e Pantelleria, raggiungendo una superficie di circa 4 km² e 65 metri di altezza. L’isola fu rivendicata da Inglesi, Francesi e Regno delle Due Sicilie.

L’isola siciliana apparsa e scomparsa per 4 volte

L’isola Ferdinandea è una vasta piattaforma rocciosa situata a circa 6 metri dalla superficie marina, nel canale di Sicilia, tra Sciacca e l’isola di Pantelleria. Essa costituisce i resti di un apparato vulcanico che emerse il 12 luglio 1831, a seguito dell’eruzione sottomarina di un vulcano, si innalzò dall’acqua formando l’isola, la quale crebbe fino ad una superficie di circa 4 km² e 65 m di altezza. Essendo composta prevalentemente da tefrite, materiale roccioso eruttivo facilmente erodibile dall’azione delle onde, l’isola Ferdinandea non ebbe vita lunga. A conclusione dell’episodio eruttivo si verificò un rapido smantellamento erosivo dell’isola che scomparve definitivamente sotto le onde nel gennaio del 1832, ponendo fine temporaneamente alle dispute internazionali sorte circa la sua sovranità.
I primi resoconti sull’attività sottomarina nell’area risalgono alla prima guerra punica. Successivamente isole temporanee apparvero e scomparvero alcune volte nel corso del XVII secolo, rimanendo comunque in superficie solo per tempi brevissimi.

L’emersione dell’Isola Ferdinandea

Verso la fine di giugno 1831, nel tratto di mare a metà strada tra Sciacca e Pantelleria si verificarono alcune scosse sismiche di fortissima intensità, che vennero avvertite fino a Palermo e che causarono gravi danni alla costa sudoccidentale della Sicilia. Successivamente gli abitanti delle zone vicine e gli equipaggi di alcune navi di passaggio affermarono di aver visto colonne di fumo e pietra pomice uscire dalle acque, assieme a violenti zampilli di lava eruttati dal vulcano. Fu poi segnalata nei giorni seguenti dai pescatori del luogo, una zona in cui il mare ribolliva continuamente e dove vi erano morìe di pesci, causate molto probabilmente dall’esalazione dei gas vulcanici.

Il 7 luglio, F. Trifiletti, capitano della nave Gustavo, riferì di aver avvistato un isolotto alto circa 8 metri che sputava cenere e lapilli. La completa emersione dell’isola avvenne però il 12 luglio 1831, quando dopo una scossa tellurica, il vulcano sottomarino aprì la sua bocca eruttando detriti e lava che formarono una piccola isola di circa quattro chilometri di circonferenza e sessanta metri d’altezza.

Michele Arena scriveva delle eruzioni e dell’aspetto dell’isola:
“Sono state sempre precedute da brevi scosse di terremoto che si sono susseguite con fortissimo fragore di boati […] testimoni dell’evento furono i capitani Trifiletti e Corrao, naviganti in quel mare (latitudine 37,11 nord e longitudine 12,44 est) che osservarono un getto d’acqua a cui tennero dietro colonne di fiamme e di fumo che si elevavano ad un’altezza di 550 metri circa. Il 16 luglio si vide emergere la testa di un vulcano in piena eruzione e il 18 lo stesso capitano Corrao, di ritorno, osservò il cono del vulcano che sporgeva dal mare. Presto si vide emergere un’isoletta che crebbe sempre in eruzione e raggiunse, il 4 agosto, una base di tre miglia di circonferenza ed un’altezza di sessanta metri, con due preminenze, una da levante ed una da tramontana, a guisa di due montagne legate insieme; con due laghetti bollenti”.

L’Isola rivendicata da inglesi e francesi

L’isoletta suscitò subito l’interesse di alcune potenze straniere europee, che nel mar Mediterraneo cercavano punti strategici per gli approdi delle loro flotte, sia mercantili che militari.

L’Inghilterra, che col suo ammiraglio sir Percival Otham si trovava nelle acque dell’isola, dopo un’accurata ricognizione prese possesso di questa in nome di sua maestà britannica. Il 24 agosto giunse sul posto il capitano Jenhouse, che vi piantò la bandiera britannica, chiamando l’isola “Graham”. Il nome “Banco di Graham” è utilizzato nella cartografia recente per indicare il banco sottomarino costituente l’area su cui si trova il vulcano che diede origine all’isola Ferdinandea.
Questi avvenimenti fecero montare una protesta degli abitanti del Regno delle Due Sicilie, che assieme a quelle del capitano Corrao, arrivarono anche alla casa borbonica. Si propose di nominare l’isola “Corrao”, chiedendo inoltre al re provvedimenti contro il sopruso inglese.

Il 26 settembre dello stesso anno la Francia, per contrastare l’azione inglese, inviava il brigantino La Fleche, comandato dal capitano di corvetta Jean La Pierre, il quale recava con sé una missione diretta dal geologo Constant Prévost insieme al pittore Edmond Joinville, al quale si devono i disegni di quel fenomeno eccezionale.

Come gli inglesi, anche i francesi approdarono sull’isola senza chiedere alcun permesso a re Ferdinando II, nonostante l’isola fosse sorta entro acque prossime alle coste siciliane. Anzi i francesi la ribattezzarono “Iulia” in riferimento alla sua comparsa avvenuta nel mese di luglio.

Il re Ferdinando II, constatando l’interesse internazionale che l’isoletta aveva suscitato, inviò sul posto la corvetta bombardiera Etna al comando del capitano Corrao il quale, sceso sull’isola, piantò la bandiera borbonica battezzando l’isola “Ferdinandea” in onore del sovrano.

Sembrava che l’evento non suscitasse altro clamore, invece giunse sul posto il capitano Jenhouse con una potente fregata inglese e il Corrao, grazie alla mediazione del capitano Douglas, ottenne di rimettere la questione ai rispettivi governi. L’isola avrebbe goduto, all’epoca, dello stato di insula in mari nata, cioè, in quanto emersa dal mare, la prima nazione o persona a mettervi piede avrebbe potuto rivendicarla legittimamente (in questo caso gli Inglesi).

Con atto sovrano del 17 agosto 1831, Ferdinando II di Borbone rivendicò l’isola come parte del regno delle Due Sicilie, dandole ufficialmente il nome di isola Ferdinandea. Verso la fine d’ottobre dello stesso anno il governo borbonico inviò ai governi di Gran Bretagna e Francia una memoria con la quale dette loro notizia dell’evento, ricordando che a norma del diritto internazionale la nuova terra apparteneva alla Sicilia. Tuttavia, a quanto sembra i due governi non risposero e fra le due nazioni, entrambe interessate a favorire le loro posizioni strategiche nel Mediterraneo, iniziarono le rivalità.

L’inabissamento dell’Isola Ferdinandea

Il 7 novembre di quell’anno, l’inglese Walker, capitano dell’Alban, misurò l’isola, che risultava ridotta a un quarto di miglio con un’altezza di venti metri. Il 16 novembre si scorgevano soltanto piccole porzioni e l’8 dicembre il capitano Allotta, del brigantino Achille, ne constatò la scomparsa, mentre alcune colonne d’acqua si alzavano e si abbassavano. Dell’isola rimaneva un vasto banco di roccia lavica.

Nel 1846 e nel 1863 l’isoletta è riapparsa ancora in superficie, per poi scomparire nuovamente dopo pochi giorni.

Con il terremoto del 1968 nella valle del Belice le acque circostanti il banco di Graham furono viste intorbidirsi e ribollire, cosa che venne interpretata come un probabile segnale che l’isola Ferdinandea stesse per riemergere. Così non fu, ma venne segnalato un movimento nelle acque internazionali di alcune navi britanniche della flotta del Mediterraneo. Un gruppo di sub siciliani colse l’occasione per posare sulla superficie del banco sottomarino una targa in pietra, sulla quale si legge:

“Questo lembo di terra una volta isola Ferdinandea era e sarà sempre del popolo siciliano”.

Andata successivamente distrutta, probabilmente colpita da un’ancora, la targa è stata prontamente sostituita. Successivamente il vulcano è rimasto dormiente per decenni, con la cima circa 8 metri sotto il pelo dell’acqua. Nel 1986 fu erroneamente scambiato per un sottomarino libico e colpito da un missile della U.S. Air Force nella sua rotta per bombardare Tripoli.

Nel 2002 una rinnovata attività sismica nella zona ha indotto i vulcanologi a congetturare sopra un imminente nuovo episodio eruttivo con conseguente nuova emersione dell’isola. Per evitare in anticipo una nuova disputa di sovranità, dei sommozzatori italiani hanno piantato un tricolore sulla cima del vulcano di cui si aspettava la riemersione.

In copertina l’isola Ferdinandea in un dipinto di Camillo De Vito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.