Regione Sicilia, Razza: “Presto assunti circa 1.000 infermieri e 250 medici”


Nella legge di Stabilità è prevista l’assunzione in tutta Italia di 13.000 infermieri e di 3000 medici. L’8% di questi è destinato alla Regione Sicilia.


“La Protezione civile nazionale e il commissario nazionale per l’emergenza hanno inserito una specifica norma nella legge di stabilità del parlamento che prevede l’assunzione in tutta Italia di 13.000 infermieri e di 3.000 medici. L’8% di questi è destinato alla Regione Sicilia”. Lo ha spiegato l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza a Siracusa.

“Su questo si lavorerà intensamente: il bando è già scaduto. La Sicilia, come tutte le regioni italiane, attingerà al bando per rafforzare le squadre di vaccinazione”, ha aggiunto.

A conti fatti, quindi, nella Regione Sicilia arriveranno 1.040 infermieri e 240 medici.

Vaccini Regione Sicilia: “Entro settembre per tutti i siciliani” (VIDEO)

Razza: “Dobbiamo sensibilizzare sulla vaccinazione”

“Se dovessi fare una provocazione dovremmo diffondere le immagini di una terapia intensiva e il dolore di tanti familiari che hanno visto andare via i loro parenti”. Ha usato queste parole l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza al dopolavoro Isab Lukoil, nella zona industriale di Siracusa, per una visita al presidio Uscai, Unità Speciale di Continuità Assistenziale Industriale dell’Asp di Siracusa per monitorare e contenere la diffusione epidemiologica da Covid 19 tra i lavoratori Lukoil e dell’indotto.

“Io penso che ci voglia una sensibilizzazione molto forte sulla vaccinazione – continua l’assessore -. L’Istituto superiore di sanità sta lavorando ad una campagna scientifica: sarebbe sbagliato pensare di convincere le persone con la forza. Bisogna che tutti comprendano quanto sia importante riprendere una vita normale, magari riuscire a levarsi questa mascherina fra qualche mese e riuscire a riabbracciare i propri cari”.

Tutte le risposte alle domande frequenti sul vaccino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.