Scuola, in Sicilia si torna in classe non prima dell’11 gennaio


Lo ha comunicato l’assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Sicilia, Roberto Lagalla. Si attendono aggiornamenti dal Cts.


Gli studenti della scuola secondaria di secondo grado della Sicilia e dei corsi di istruzione e formazione professionale (IeFP) non torneranno in classe in presenza prima del prossimo 11 gennaio. Lo ha stabilito l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, Roberto Lagalla, uniformandosi alla nuova disposizione del Consiglio dei ministri, che ha differito a lunedì prossimo la data di attivazione della didattica in presenza negli istituti superiori del Paese. Ne consegue che gli istituti superiori che riprenderanno le attività dopo le vacanze natalizie a partire dall’8 gennaio continueranno per alcuni giorni a operare in modalità “didattica a distanza”. Stessa cosa per la formazione professionale in obbligo scolastico.

Lagalla: “Per riapertura scuola superiore aspettiamo i dati del Cts Sicilia”

“Da parte sua, il governo regionale si riserva di acquisire dal Cts regionale i necessari aggiornamenti tecnico-sanitari, al fine di assumere decisioni conseguenti sulla data di ammissione in presenza del 50% degli studenti che frequentano le scuole superiori – dichiara l’assessore Lagalla –. Al tempo stesso, saranno verificati gli adeguamenti disposti a carico della rete regionale del trasporto pubblico”.

Resta, invece, confermata l’attività didattica in presenza, sin dal primo giorno di riavvio delle lezioni, per la scuola dell’infanzia, per la primaria e per la secondaria di primo grado”.


Regione Sicilia, 32 milioni per le scuole statali: l’annuncio di Lagalla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.