Unict: come si svolgeranno le attività didattiche nel secondo semestre

A Unict si torna in aula: le comunicazioni agli studenti su come si svolgeranno le attività didattiche nel secondo semestre nel capoluogo etneo.


Nell’Università di Catania (Unict) è già tutto programmato per l’avvio delle attività didattiche del 2° semestre. Salvo modifiche o provvedimenti più restrittivi da parte del governo, a partire dal 1° marzo le attività dei corsi di studio saranno svolte in modalità mista utilizzando lo stesso metodo e le stesse opzioni di frequenza delle lezioni e dei laboratori già utilizzate nel corso del primo semestre prima del nuovo blocco di ottobre.           

Le lezioni potranno essere frequentate sia presenza, con prenotazione del posto in aula (con numero di posti limitati, uso di Dpi e distanziamento), sia a distanza tramite la piattaforma Microsoft Teams, o rivedendo la registrazione della lezione in differita. Solo nei casi in cui non sarà possibile assicurare la modalità mista, per questioni di sicurezza, le lezioni si svolgeranno in streaming a distanza. Gli studenti che desiderano seguire la lezione su Teams, troveranno nella pagina web di ogni corso di studio il link dell’insegnamento e potranno collegarsi, tramite una maschera che presenta i pulsanti di accesso alla piattaforma, ai codici degli insegnamenti e alle guide di utilizzo.

Come si svolgeranno le attività didattiche del 2° semestre Unict

Gli studenti potranno prenotarsi a partire dalle ore 9 di giovedì 25 febbraio e fino a tutta la giornata di domenica 28 febbraio tramite il portale SmartEdu . In un primo momento si potranno prenotare le lezioni della settimana compresa tra il 1° marzo e il 5 marzo. A partire dalla settimana successiva si potrà prenotare dal lunedì al mercoledì.
 
Le nuove indicazioni riguardano ovviamente anche i laboratori didattici Unict. I tirocini curriculari e post curriculari potranno svolgersi in presenza solo dove sarà garantito il pieno rispetto delle misure di sicurezza (distanziamento, utilizzo di Dpi). I tirocini medici potranno essere svolti in presenza all’interno delle strutture ospedaliere per tutti gli studenti ai quali è stato somministrato il vaccino anti Covid -19. Per i TFA sostegno (qualora fosse possibile e in linea con la situazione delle scuole di riferimento), verrà fatta richiesta ai dirigenti scolastici di prevedere l’ingresso nelle aule o nelle aule virtuali dei tirocinanti iscritti ai corsi di riferimento.

I laboratori di ricerca, l’attività di ricerca e le tesi sperimentali proseguiranno in presenza, così come le attività dei dottorandi. Gli esami si svolgeranno in modalità a distanza. Le prove scritte, qualora la Sicilia sia zona gialla e qualora sia possibile garantire le condizioni di sicurezza nelle aule (distanziamento, uso dei Dpi), potranno svolgersi anche in presenza, ma in ogni caso non sarà possibile avere più di 50 studenti per aula.

Le lauree verranno svolte unicamente a distanza. Le attività degli specializzandi, invece, proseguiranno in presenza. Le biblioteche saranno aperte limitatamente ai servizi di prestito e di restituzione libri, mentre restano chiuse aule studio e sale lettura.
Gli spostamenti relativi ai programmi di mobilità internazionale incoming e outgoing saranno consentiti solo tramite la  sottoscrizione di un’ opportuna liberatoria. Le Università siciliane rimarranno disponibili, in presenza di richieste pervenute da Atenei stranieri (nel rispetto delle direttive dell’agenzia Erasmus), di accogliere anche studenti che possano frequentare in modalità da remoto.


Catania,”piazza Teatro” è totalmente area pedonale: addio ZTL [FOTO]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *