Catania, rapina a scuola: ragazzi picchiati da uomini armati


Di fronte al magro bottino di pochi euro i banditi avrebbero picchiato le vittime: tre i feriti dopo la rapina (o meglio assalto) nella scuola di Catania.


Quattro giovani, di età compresa tra i 15 e i 20 anni, sono stati aggrediti e picchiati durante una rapina da una decina di persone armate e incappucciate mentre erano nel cortile del plesso “Nuova Masseria Moncada” dell’istituto Fontanarossa di Catania.

L’assalto è avvenuto sabato scorso davanti l’ingresso della casa del custode. Gli aggrediti sono un familiare di quest’ultimo e con tre suoi amici, con i quali stava parlando.



La ricostruzione della rapina, riportata dal sito del quotidiano La Sicilia, è stata confermata da fonti investigative. Sul posto sono intervenute pattuglie delle Volanti della Questura. L’accaduto è stato denunciato al commissariato di polizia di Librino.

La ricostruzione della rapina a scuola

Secondo quanto si è appreso, i rapinatori hanno bloccato i quattro ragazzi intimando loro di consegnare i soldi che avevano. Di fronte al magro bottino di pochi euro i banditi avrebbero picchiato le vittime: un ragazzo è stato colpito in testa con il calcio di una pistola, un altro ha riportato una frattura a un braccio e un terzo ha riportato un taglio poco profondo tra l’orecchio e la guancia. I tre sono stati medicati nel pronto soccorso dell’ospedale San Marco.



“Siamo preoccupati e arrabbiati – ha commentato la dirigente della scuola, Concetta Tumminia parlando a La Sicilia – perché quanto accaduto è molto preoccupante per tutti gli utenti del plesso. Tutte le richieste al Comune per rendere maggiormente sicura la sede sono rimaste inevase, adesso siamo ancora di più preoccupati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.