Coronavirus, 10 positivi ad Adrano: riapre “centro Covid” di Biancavilla


Peggiora la situazione Coronavirus Catania. Nella provincia si registrano nuovi casi e l’Asp ha deciso di riaprire un “centro Covid” chiuso tempo fa.


Peggiora la situazione Coronavirus Catania. Nella provincia si registrano nuovi casi e per questo l’Asp ha deciso di riaprire un centro Covid chiuso tempo fa.



Ad Adrano sarebbero 10 attualmente le persone contagiate dal Covid-19. È quanto risulterebbe dall’ultimo aggiornamento pervenuto dall’ASP di Catania. Nessuno di questi sarebbe ricoverato in ospedale.

Coronavirus Catania: riapre “centro Covid” a Biancavilla

L’ospedale di Biancavilla torna ad essere “centro Covid”. Da ieri sera il nosocomio accoglie i pazienti risultati positivi al Coronavirus che necessitano ricovero. Il reparto ricavato, per questa emergenza, è, per adesso, quello della Chirurgia già liberato e messo a disposizione per i malati da Covid.

L’ospedale di Biancavilla ha a disposizione anche un reparto di Terapia intensiva con 9 posti letto che in caso di necessità saranno utilizzati. Non si esclude che altri posti letto potrebbero, in base all’evolversi della situazione, essere ricavati in altri reparti.

La notizia di rendere l’ospedale biancavillese “centro Covid” è arrivata dell’ASP nel pomeriggio, anche in vista dell’aumento dei casi di contagio nel comprensorio etneo.

Coronavirus Sicilia: l’ultimo bollettino

Secondo l’ultimo aggiornamento, gli attuali positivi nell’Isola sono 4.877, dei quali 4.407 in isolamento domiciliare, 426 ricoverati con sintomi e 44 pazienti in terapia intensiva. È salito a 341, purtroppo, il numero dei decessi da inizio pandemia nella regione siciliana.

I 334 nuovi positivi, in Sicilia, sono così distribuiti per provincia:

  • 139 a Palermo;
  • 93 a Catania;
  • 34 a Messina;
  • 22 a Trapani;
  • 20 a Siracusa;
  • 10 a Ragusa;
  • 9 a Caltanissetta;
  • 7 ad Agrigento.

Solo una provincia siciliana, Enna, ha registrato oggi 0 nuovi contagi.


Coronavirus Sicilia, nuova zona rossa nell’Isola: l’ordinanza di Musumeci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.