Il Centro Sicilia si rifà il look: otto nuovi murales in galleria (FOTO)


Daniele Ruvolo, docente dell’accademia di Belle Arti di Catania ha realizzato la serie di murales da oggi presenti all’interno del Centro Sicilia.


Daniele Ruvolo, docente presso l’accademia di Belle Arti di Catania, ha realizzato la serie di murales da oggi presenti all’interno del centro commerciale Centro Sicilia.


Nella vita oltre ad essere docente presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, Ruvolo si definisce “un semplice disegnatore” anche perché “non sta a me darmi l’appellativo di artista, termine abbastanza inflazionato oggi”.

Per la realizzazione dei murales del centro commerciale, Daniele ho utilizzato la tecnica del disegno digitale munendosi di una tavoletta grafica e di un software dedicato appunto al disegno.

I murales che si possono ammirare al Centro Sicilia

Passando a una breve analisi dei murales che potrete ammirare all’interno del Centro Sicilia, per la realizzazione del primo murales c’è una chiarissima citazione a quello che è lo stile di Van Gogh. “Ho immaginato questo enorme sole – dice Ruvolo – incorniciato stretto nei campi di grano e fichi d’India che completano un paesaggio che ho cercato in modo maldestro di emulare sulla maestria e sul genio di Van Gogh“.

Il secondo murales è un omaggio a Gustav Klimt che ha sempre rappresentato sia l’amore che la morte in opere quasi mistiche. Anche qui il docente ha emulato uno dei suoi dipinti più celebri, “Il bacio”.

Nel terzo murales, vi è una sorta di over painting della famosissima opera di Roy Lichtenstein, “M-Maybe”. L’opera originale si presenta con un classico stile fumettistico e Ruvolo ha voluto dare un’impronta realistica a tutto, aggiungendo l’elemento della mascherina.

Il quarto murales è anch’esso un omaggio alla corrente artistica studiata, sui libri di Storia dell’arte, come “Street art”: un’arte fatta di denunce e di messaggi sociali, un’arte ribelle in cui trovano nel suo massimo esponente l’artista Banksy.

Nel quinto murales, Daniele ha voluto aprire un paesaggio sul muro che si affaccia davanti un mondo onirico, surreale, fatto di tenerti lontani e volti tanto amati nel tempo con riferimento anche a Magritte.

La serie di murales si completa con altre tre opere, per un totale di 8 murales, che il docente però non descrive per non rovinare la sorpresa ai clienti della galleria e invitando a fare visita al Centro Sicilia.

Leggi anche Bagheria entra nelle “Street Art Cities”: una città tra ville e murales (FOTO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.