Regione Sicilia assume: si cercano 38 figure nei servizi d’accoglienza


La Regione Sicilia cerca 38 esperti per potenziare il sistema dei servizi di accoglienza e integrazione. Info su bando e scadenza domande.


L’ufficio speciale Immigrazione cerca 38 esperti per migliorare e potenziare il sistema dei servizi di accoglienza e integrazione nella Regione Sicilia. Trentotto le figure professionali a bando, tra questi un esperto di flussi migratori e nove referenti provinciali per la gestione di attività di affiancamento e supporto all’innovazione della governance delle pubbliche amministrazioni locali e delle prefetture.

Come presentare la domanda

La presentazione della domanda di partecipazione alla selezione dovrà essere trasmessa al seguente indirizzo: ufficiospecialeimmigrazione@certmail.regione.sicilia.it. Il relativo bando è pubblicato integralmente sul sito istituzionale e per estratto sulla Gurs. La presentazione delle domande è consentita fino al 22 gennaio.

L’assessore alle Politiche sociali, Antonio Scavone spiega: “Si tratta di conferimenti di incarichi a tempo determinato previsti dal progetto Supreme con una dotazione finanziaria di circa 6 milioni di euro. L’obiettivo è il rafforzamento del sistema dei servizi di accoglienza e integrazione nelle aree agricole e ad alta intensità di popolazione straniera dove si manifestano fenomeni di grave sfruttamento lavorativo e inadeguate condizioni di vita”.

Gli espertiaggiunge l’esponente del governo della Regione Sicilia Nello Musumeciaffiancheranno l’Ufficio Immigrazione, guidato da qualche giorno dalla dottoressa Michela Bongiorno, in un lavoro particolarmente delicato soprattutto sul tema dell’integrazione sociale dei minori stranieri non accompagnati per i quali a oggi, grazie a un ulteriore finanziamento di 5 milioni del Fondo asilo migrazione e integrazione (Fami), siamo riusciti a fare partire progetti come Prisma che prevede tra l’altro la promozione della partecipazione attiva dei migranti al sistema scolastico”.


Regione Sicilia rossa, Musumeci firma ordinanza più restrittiva: cosa cambia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.