Sicilia, partono gli screening per il rientro alle scuole superiori: il calendario

Tutto pronto per gli screening della Regione Sicilia per le scuole superiori in vista del ritorno in classe previsto nelle prossime settimane.

Lavorare insieme affinché ci possa essere una ripresa delle lezioni in presenza nelle scuole della Sicilia, sia nelle seconde e terze medie, sia negli istituti superiori (al 50 per cento). L’auspicio è quello di tornare in aula il primo febbraio o comunque al cessare della “zona rossa” in Sicilia. È quanto ribadito durante una riunione a Palazzo Orléans della Task-force regionale, presieduta dal professore Adelfio Elio Cardinale, presente l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla.

“C’è l’impegno dell’assessorato alla Salute e di tutto il governo Musumeci – evidenzia l’assessore Lagallaad assicurare lo screening degli alunni dai 14 anni in su, dei docenti e di tutto il personale scolastico, nei drive-in allestiti in tutta l’Isola e a continuare il monitoraggio negli istituti, con le apposite Usca scolastiche, dopo la ripresa”.

La Task-force ha ribadito la raccomandazione di utilizzare le mascherine Ffp2 per i docenti di sostegno delle scuole di ogni ordine e grado e per gli insegnanti dell’infanzia e della primaria.

“Confermato anche – aggiunge l’assessore Lagalla – il potenziamento dei trasporti urbani ed extraurbani in coincidenza con la riapertura degli istituti superiori, secondo i Piani provinciali elaborati e coordinati dalle Prefetture”.

Screening per le scuole in Sicilia: tutto il calatino a Caltagirone

Tamponi antigenici rapidi per gli studenti e i docenti delle II e III classi delle scuole secondarie di primo grado (ex medie inferiori) e di tutte le classi delle scuole secondarie di secondo grado (ex superiori) dei Comuni del Distretto socio – sanitario n. 13 (Caltagirone, Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Mineo, Mirabella Imbaccari, San Cono, San Michele di Ganzaria e Vizzini) saranno effettuati da giovedì 28 a domenica 31 gennaio, dalle 8:30 alle 18:00, nell’area di protezione civile di via Cristoforo Colombo, a Caltagirone.

I test, come spiega il sindaco Gino Ioppolo, rientrano nell’ambito dell’attività di screening promossa dal presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in collaborazione con l’Asp di Catania (in particolare, con il commissario ad acta per l’emergenza Covid Pino Liberti) e con i Comuni, per monitorare l’andamento della diffusione del contagio al fine di valutare l’eventuale riapertura generalizzata, a partire da febbraio, di tutte le classi degli istituti scolastici.

I tamponi saranno eseguiti dai sanitari dell’Asp etnea secondo il seguente calendario:

  • giovedì 28 – Istituto comprensivo “Gobetti” di Caltagirone, Istituto comprensivo “Verga” di Vizzini, Istituto superiore “Secusio” di Caltagirone e Vizzini, Istituto superiore “Majorana” di Scordia per la sola sezione distaccata di Vizzini;
  • venerdì 29 – Istituto comprensivo “Narbone” di Caltagirone, Istituto comprensivo “Capuana” di Mineo, Iis “Dalla Chiesa” di Caltagirone e Mineo;
  • sabato 30 – Istituto comprensivo “Arcoleo – Feltre” di Caltagirone, Istituto comprensivo Mazzarrone – Licodia Eubea, Istituto comprensivo “De Amicis” di Mirabella Imbaccari, San Michele di Ganzaria e San Cono; Iis “Cucuzza – Euclide” di Caltagirone e San Michele di Ganzaria;
  • domenica 31 – Istituto comprensivo “Montessori” di Caltagirone, Istituto comprensivo “Mazzini – Galilei” di Grammichele, Istituto superiore Majorana – Arcoleo di Caltagirone e Grammichele. Liceo artistico regionale “Libertini” di Grammichele. Supporto logistico durante l’effettuazione dei tamponi sarà fornito dalla Protezione civile comunale anche attraverso il gruppo di volontari di cui essa si avvale.

Musumeci: “Se continuiamo così la Sicilia torna in zona arancione” [VIDEO]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *