Rimangono impantanati nell’Oasi del Simeto: salvati, multati e denunciati

Rimasti impantanati nell’Oasi del Simeto, padre e figlio sono stati costretti a chiamare aiuto: sono stati salvati ma al contempo multati e denunciati.

Due turisti, padre e figlio, incuranti di ogni regola ambientale e di ogni ordinanza anti-Covid, nei giorni scorsi (periodo ancora di zona rossa), hanno pensato bene di fare una gita col proprio fuoristrada nella Riserva dell’Oasi del Simeto, per l’esattezza alla foce del Simeto, nella zona ”A“.

Il veicolo, però, è rimasto impantanato in prossimità del mare e, dopo diversi tentativi, con il calare del buio, i due turisti sono stati costretti a chiamare i soccorsi.

I soccorsi al fuoristrada impantanato nell’Oasi del Simeto

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti del Corpo Forestale. I primi hanno aiutato i due turisti ad uscire dall’abitacolo ma in un primo momento non sono riusciti, a disincastrare il mezzo semisommerso, operazione che è stata possibile solo 24 ore dopo.

L’uomo alla guida è stato multato per aver infranto la zona rossa e introdotto il fuoristrada nell’area di pregio della Riserva. Contestata anche un’infrazione all’art.733 bis del codice penale (distruzione e deterioramento di habitat protetto) da parte della pattuglia del Comando Forestale di Catania. Con gli agenti del Corpo Forestale erano presenti anche gli addetti alla sorveglianza dell’Oasi del Simeto.


Monte Cofano, riserva naturale verso la riapertura dopo tre anni (FOTO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *