Etna, scoperta nuova grotta: sarà dedicata a Franco Battiato [FOTO]


Si chiama “Grotta di Gravità Permanente” ed è sembrato il nome più consono per ricordare la scomparsa del grande cantautore Franco Battiato.


Dario e Paolo Teri, guide naturalistiche e maestri di sci del team EtnaExcursion.it, hanno annunciato sui social la scoperta di nuove grotte inesplorate sull’Etna: “Anche quest’esplorazione se pur faticosa, ci ha ripagato. Abbiamo rilevato, almeno tre grotte, di notevole interesse”.

La Grotta dell’Etna dedicata a Franco Battiato

Questa grotta si sviluppa sull’insidioso campo lavico dell’eruzione del 1975 ed è piuttosto difficile da raggiungere. La particolarità risiede in diversi aspetti. In primo luogo la strana conformazione delle lave alla grande imboccatura della cavità che sono molto lisce e si distinguono nettamente dal vasto campo eruttivo adiacente. Da questo imbuto di lave “pahoehoe” ci si affaccia al pozzo di ben 15 metri, suddivisi in due livelli.

La morfologia di questo insolito ingresso, unitamente al fatto che occorre discendere in verticale con la corda, ricorda quasi un buco nero che ingoia tutto ciò che si trova attorno. Anche per questo fatto, il nome “Grotta di Gravità Permanente” è sembrato quindi il più consono, volendo ricordare tra l’altro la scomparsa del grande cantautore Franco Battiato, figlio illustre del vulcano.

Altra particolarità, alla data della visita (fine maggio 2021), sia le pareti che il fondo si presentavano con neve compatta e all’interno anche ghiaccio compatto, con una moltitudine di stalattiti gelate. Un’altra caratteristica molto affascinante è la presenza sulla volta di enormi fenomeni di rifusione di lava, pendenti (erroneamente definite “stalattiti” di rifusione) e vele, visibili solo accedendo all’interno. Nonostante non sia una cavità di grandi dimensioni, le particolarità accennate, la rendono unica nel suo genere.

La grotta – si ribadisce – non è di facile accesso a persone inesperte e richiede l’uso di materiale speleologico e inoltre occorrono diverse ore di cammino per raggiungerla, anche su aspre e instabili colate di lava.

Grotta Etna Battiato fratelli


Il “motore” dell’Etna: ecco perché il vulcano continua a eruttare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *