Eruzione Etna, Catania ricoperta di cenere: chiude anche l’aeroporto


A causa dell’intensa emissione di cenere da parte dell’Etna, nessun volo può ancora atterrare o decollare dall’aeroporto Fontanarossa di Catania.


Questa volta anche Catania è stata invasa dalla cenere dell’Etna. Il capoluogo etneo è letteralmente ricoperto dalla cenere vulcanica depositata nella notte dai venti che hanno trasportato la nube di cenere eruttata dal vulcano verso i paesi del versante sud dell’Etna.

Sulle piazze, le strade e i tetti del capoluogo etneo è presente uno strato fitto di sabbia lavica. La circolazione è compromessa rischio rischio di scivolamento a causa di terreno sdrucciolevole e alto anche a piedi si raccomanda la massima prudenza.

È raccomandabile usare la mascherina all’aperto per proteggere le vie respiratorie. È anche suggerito ad anziani e persone con disabilità motorie di restare a casa.
 
Il responsabile di protezione Civile del comune di Catania ha provveduto all’attivazione del piano di protezione civile per emergenza cenere. Città compromessa da pericolo viabilità particolarmente per motocicli e pedoni. Attivati i servizi previsti dal piano speditivo.

Catania cenere Etna

Chiuso l’aeroporto di Fontanarossa

“A causa dell’intensa attività eruttiva dell’Etna – si legge sui canali social dell’aeroporto -, la pista dell’aeroporto è al momento contaminata dalla cenere vulcanica. Nessun volo potrà quindi atterrare o decollare dall’aeroporto di Catania fino alle ore 10:30 (salvo aggiornamenti).
Le operazioni di pulizia e bonifica sono in corso già da questa notte.
Per info sui voli cancellati o dirottati si prega di rivolgersi alle compagnie aeree”.
 
AGGIORNAMENTO 9:30 – la pista di #CTAairport riapre, in anticipo di un’ora rispetto al previsto. Potranno verificarsi ancora ritardi e disagi dovuti alla normalizzazione del traffico aereo.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *