Intel investe in Italia: “Catania ha tutte le carte in regola per l’insediamento”


Il presidente della Regione, Nello Musumeci, “tifa” Catania e spera che a decidere non sia la solita logica che privilegia il Nord a discapito del Sud.


Sull’insediamento di Intel in Italia, e la possibilità che ciò avvenga a Catania, dice la sua anche il presidente siciliano Nello Musumeci.

“Se un colosso dell’hi-tech è pronto ad investire in Italia, con un progetto ambizioso che darà impulso all’economia e all’occupazione, a decidere non può essere la solita logica che privilegia il Nord a discapito del Sud. Nel pieno della progettualità di una ripartenza, che non può certo essere a due velocità o, peggio, azzoppata sul nascere, non si può continuare con la politica assistenzialista che ha sempre mortificato il Mezzogiorno.

Il governo di Roma, con il ministro per lo Sviluppo economico, aveva garantito per l’insediamento di Intel una partita da giocare facendo perno sul “sistema Italia” e sulle migliori credenziali dell’area da individuare. E a questo noi siamo fermi, pur leggendo sulla stampa di pressioni e rivalse nordiste, di dichiarazioni a sostegno del candidato sindaco di Torino e del così contestuale, addirittura dichiarato, “tifo” per la candidatura di Mirafiori a discapito di Catania. Siamo certi che la squadra del cuore di un ministro della Repubblica non può che essere l’Italia.

“Catania in partita per l’insediamento di Intel”

Così come – se la “competizione sarà sulla capacità di offrire competenze ed intelligenze”– la Sicilia, con i suoi centri di ricerca e, non ultimo, uno dei più importanti stabilimenti di microelettronica del mondo, non può che essere in partita e rivendica a pieno titolo l’insediamento del futuro stabilimento di Intel». Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.


Via libera ai concorsi in Sicilia: posti per 1.500 giovani nella Regione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *