A Cefalù il 9° Simposio d’Arte: omaggio anche a Letizia Battaglia


Giunto al 9° anno della sua edizione, il Simposio d’Arte è tornato per allietare i vicoli di Cefalù. Ecco il racconto e le foto dell’evento.


Cos’è e come nasce il Simposio di Cefalù

L’evento è ideato e curato da Roberto Giacchino, scultore ed artista che da nove anni si avvale del sostegno dell’amministrazione comunale che dal primo anno ha sposato l’idea e la realizzazione di questo evento.
Questo 9° Simposio vede al timone della Direzione artistica la Prof.ssa Rosalba Gallà, donna dallo spiccato senso artistico, dall’animo luminoso e grande promotrice di bellezza. Collaborano alla realizzazione all’evento Maria Vello, Luigi Occhipinti e Luigi Aricò.
 

Guarda le foto

Il programma del Simposio di Cefalù 2022

A prendere parte alla manifestazione ci saranno artisti italiani ed internazionali.
Ognuno porterà la propria arte per i vicoli del borgo, realizzando ed esponendo opere, il tutto con un comune denominatore: condividere.
Già, perché è questo il senso del Simposio, la condivisione, l’inclusione.
Non c’è sfida, non c’è gara.
L’ Arte unisce i popoli poiché parla una sola lingua, quella della bellezza, dell’espressione personale in cui si percepisce il mondo, dell’Io più profondo che spinge gli artisti ad interrogarsi.
Il borgo di Cefalù è il luogo ideale per lasciarsi incantare dalla bellezza poiché di bellezza è intriso.
 
Dopo la cerimonia di Inaugurazione di giorno 26 agosto alle 18 presso la Corte delle Stelle, alla presenza del Sindaco di Cefalù Daniele Tumminello, seguiranno tre giorni di estemporanea e laboratori e da giorno 28 agosto gli artisti esporranno le proprie opere in una mostra collettiva all’interno del l’Ottagono di Santa Caterina, di fronte al Duomo di Cefalù.
L’esposizione sarà visitabile fino a giorno 4 settembre, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 21.
In questi giorni Il borgo si è immerso nella bellezza generata dai colori, dalle creazioni, dalle tele e dalle foto dei tanti artisti che hanno preso parte al 9° Simposio. 
L’arte, in tutte le sue sfumature e declinazioni, è la vera protagonista.
È un piacere per gli occhi di chi guarda, è un arricchimento quotidiano poiché la bellezza è capace di unire gli uomini in un unico linguaggio. 
Il Simposio guarda alla condivisione, è un momento di espressione artistica, di confronto e mai di competizione.
È proprio questo a renderlo un evento tanto atteso e soprattutto sempre più ambito da parte dei tanti artisti che chiedono di parteciparvi. 
 

L’omaggio a Letizia Battaglia

Barbara Hennig Marques artista Svizzera ha dedicato la sua performance a Letizia Battaglia. “In Memoriam Letizia” è il suo omaggio alla grande fotografa che ci ha lasciato il 13 aprile 2022.
 
La Battaglia ha documentato con le sue foto la crudeltà degli atti mafiosi in Sicilia come nessun altro ha saputo fare, ha dato voce al dolore, alla tragedia, al sangue.
Ma ha combattuto anche a fianco delle donne e per le donne, per debellare la mentalità maschilista ritraendo bambine, ragazze e donne non come angeli eterei e sovraumani ma come esseri risoluti, dotati di carattere e personalità.
 
In occasione del 9° Simposio d’Arte che si terrà a Cefalù dal 26 agosto al 4 settembre 2022, tra i tanti artisti che vi prenderanno parte anche la svizzera Barbara Hennig Marques che, nei tre giorni di laboratorio ed estemporanea che si svolgerà per i vicoli del l’incantevole borgo di Cefalù, ha dato il suo personale omaggio alla fotografa siciliana, usando il suo corpo come una tela su cui gli altri artisti hanno dipinto immagini, simboli e parole relativi alla vita e all’arte fotografica della Battaglia. – “La pittura del mio corpo da parte di sconosciuti è una sorta di “assalto”, che a sua volta ricorda gli atti di mafia – dice l’artista Barbara Hennig Marques, che spiega -. Mi immergerò nel mare con il dipinto e laverò via dal mio corpo il senso di colpa e la sofferenza.
La vernice magari non viene lavata via completamente.
E non dovrebbe nemmeno farlo. Rimarranno delle tracce.
Sarà come un lavaggio rituale”.  
 
Articolo e foto di Teresa Molinaro
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.