Ypsigrock 2023: date e primi act annunciati per la 26esima edizione


Ypsigrock è il primo boutique festival Italia che, in questo 2023, giungerà alla sua 26esima edizione. Scopriamo i primi nomi del festival.


Slowdive, Panda Bear & Sonic Boom, Still Corners, EKKSTACY, Just Mustard e Plastic Mermaids sono i primi act annunciati per la 26esima edizione di Ypsigrock, il primo boutique festival italiano, che si svolgerà dal 10 al 13 agosto come sempre nel suggestivo borgo siciliano di Castelbuono, all’interno del Parco delle Madonie.

La regola dell’Ypsi Once, che impone una sola esibizione sui palchi di Ypsigrock sotto lo stesso moniker, vale anche per Rachel Goswell: dopo la presenza nel 2016 con i Minor Victories, infatti, l’artista torna a Castelbuono ma con gli Slowdive, da sempre una della band più attese dagli ypsini, l’appassionata community del festival che, con il suo proverbiale calore, rende uniche e magiche le esibizioni dell’evento organizzato dall’Associazione Culturale Glenn Gould.



Ypsigrock quindi ospiterà la celebre band inglese, fondata a Reading nel 1989 e composta da Neil Halstead, Rachel Goswell, Christian Savill, Nick Chaplin e Simon Scott che, nella dimensione live, con il loro suono sognante e stratificato, riuscirà a catturare l’attenzione e ad ammaliare l’attento pubblico di Ypsigrock. Grandi sono le aspettative degli appassionati che il prossimo agosto saranno a Castelbuono anche per l’esibizione di Panda Bear & Sonic Bloom, a seguito dell’uscita di Reset, primo album frutto della collaborazione tra due dei maggiori interpreti di generazioni differenti della psichedelia. Nella line up della prossima edizione del festival, svelata in parte con questo annuncio, ci sarà spazio anche per il dream pop degli Still Corners, la commistione di indie, post-punk e synth wave nata dall’estro del giovanissimo artista canadese EKKSTACY, l’electro-noise della band irlandese Just Mustard e l’indie rock psichedelico del coloratissimo collettivo creativo Plastic Mermaids originario dell’Isola di Wight.



Full Festival Pass in esclusiva su DICE

In esclusiva sulla piattaforma DICE, a novembre è stata aperta la vendita dei Full Festival Pass al prezzo di 110€ + commissioni (TIER 1), andati recentemente sold out. Sono ora disponibili gli abbonamenti al prezzo pieno e definitivo di 120€ + commissioni (TIER 2).

Link diretto per acquisto: https://ypsi.link/tickets23

Ypsigrock Festival: una Sicilia Inaspettata 

Ypsigrock Festival è il primo boutique festival Italia che, dal 1997 edizione dopo edizione, attraverso alcune significative scelte artistiche e di immagine, si è ritagliato uno spazio considerevole tra gli eventi più importanti del vecchio continente per la sua originale ed eccentrica capacità di innescare un’empatia intima e unica tra gli artisti e il pubblico degli ypsini che scoprono un angolo imprevedibile e inaspettato di Sicilia, lontano dei soliti cliché e più incline ai modelli culturali internazionali.



Le band del primo annuncio di Ypsigrock 2023

Fin dagli esordi gli Slowdive si caratterizzano per essere fuori dagli schemi, con un sound introspettivo alla ricerca dell’attenzione dell’ascoltatore. Nei fatti gli Slowdive sono diventati una band cult della scena shoegaze, attraverso piccoli cambi di formazione, capaci di unire melodia e modernità, la canzone pop al noise, con lunghe sinfonie distorte ed eterei intrecci vocali, dando vita ad uno dei sound più originali proveniente dall’Inghilterra di inizio anni novanta. La band si era sciolta nel 1995 per poi ricostituirsi nel 2014, dopo 20 anni.



La prima fase del loro percorso è quella più ricca dal punto di vista della produzioni con gli EP Slowdive (1990) e Holding our Breath (1991), dove si delineano i punti caratteristici del sound della band, e l’esordio Just for a day (1991), considerato da molti come il manifesto dello shoegaze. Seguono il secondo album Souvlaki (1993), dove compaiono i primi accenni elettronici, e l’EP In Mind (1994). La strada verso il terzo album li porta a intraprendere una nuova fase dove a dominare è lo sperimentalismo di Neil Halstead: Pygmalion (1995) è l’ultimo album che segna la prima fase degli Slowdive ed è definito come il disco più controverso e al tempo stesso l’opera migliore della formazione, che trascende lo shoegaze degli album precedenti attraverso sonorità più marcatamente ambient e post-rock. I componenti intraprendono percorsi artistici differenti, con Neil Halstead e Rachel Goswell che continuano il loro sodalizio come Mojave 3.



Gli Slowdive si riuniscono nel 2014 in occasione di un tour europeo e iniziano la seconda fase della loro carriera, che li porterà al quarto album: Slowdive (2017). Negli ultimi anni la band britannica si esibisce in tutto il mondo, riscuotendo un ottimo successo da parte di nuovi e vecchi appassionati.

Dal punto di vista della scena musicale, la crisi pandemica ha generato anche qualcosa di positivo come il sodalizio tra Sonic Boom (Peter Kember, famoso per essere il sodale di Jason Pierce negli Spacemen 3) e Panda Bear  (Noah Lennox degli Animal Collective): due generazioni differenti di suoni lisergici che hanno trovato il modo di combattere le chiusure forzate delineando una via di fuga musicale con l’ossatura dell’album Reset, pubblicato nel 2022. I due artisti ad agosto saranno in Italia a Ypsigrock per un’esibizione che sicuramente non deluderà le aspettative del pubblico, pronto a godersi il perfetto equilibrio tra l’esuberanza di Panda Bear e l’eleganza di Sonic Boom.



Kember e Lennox avevano già collaborato in occasione di Tomboy e di Panda Bear Meets the Grim Reaper di Panda Bear, di cui Sonic Boom era stato il produttore, ma questa volta i ruoli sono paritari. La ricerca che alimenta le tracce di Reset è la musica pop degli anni 50 e 60, di cui entrambi sono appassionati, in cui infondono nuova linfa nei campionamenti che di primo impeto hanno l’idea di creare un ambiente musicale confortante a cui fanno da contraltare i testi che riflettono il lato oscuro dell’esperienza dei giorni nostri. La particolarità di questo disco risiede nel contrasto tra la vivacità pop e la stravaganza retrò della musica e un certo scollamento emotivo nei testi che disorienta e ammalia. 



Still Corners è il progetto musicale di Tessa Murray e Greg Hughes nato nel 2009 a Londra. La band la prossima estate scalderà i cuori del pubblico con brani ricchi di melodie romantiche e sognanti. Creatures of Hour (2011) è l’album di debutto a cui segue Strange Pleasures (2013) entrambi per Sub Pop. Dal 2016, invece, gli Still Corners hanno pubblicato sotto la propria label, la Wrecking Light Records, Dead Blue (2016), Slow Air (2018) e The Last Exit (2021), album che ha portato alla loro consacrazione come punto di riferimento del panorama dream pop contemporaneo. Ypsigrock ospiterà una delle tappe del loro tour mondiale a supporto dell’ultimo lavoro. 



Ritornerà in Italia grazie ad Ypsigrock, EKKSTACY, il ventenne artista canadese di stanza a Vancouver che ha già saputo catturare l’attenzione degli ascoltatori di tutto il mondo con una serie di singoli dalle sonorità dark e synth wave, che contano decine di milioni di ascolti sulle piattaforme di streaming, e con gli album Negative (2021) e Misery (2022). Per EKKSTACY la musica è stata una vera e propria àncora di salvezza. Dopo due anni difficili dove ha affrontato la battaglia contro l’abuso di sostanze e il divorzio dei suoi genitori, è finalmente riuscito a trovare nella musica, coma autodidatta in tutto, il conforto che cercava da tempo. Il suo è un mondo sonoro unico, che l’artista stesso descrive come una fusione di indie, post punk e synth wave.



I Just Mustard sono una band irlandese nata nel 2016 nella cittadina di Dundalk e composta da Katie Ball, David Noonan e Kalyoncuoglu, Rob Clarke e Shane Maguire. Il loro sound electro-noise è un mix notevole che li candida a diventare uno degli act più particolari della prossima edizione di Ypsigrock. Wednesday (2018) è l’album di debutto della band, accolto con favore da critica e pubblico, dove sonorità quasi industrial si uniscono alla voce eterea di Katie Ball.



Dopo numerose date live nel Regno Unito e in Europa, i Just Mustard hanno aperto i concerti dei Fontaines D.C. per il tour di accompagnamento di Skinty Fia, accrescendo il loro curriculum e l’esposizione mediatica, senza dimenticare il prestigioso endorsement di Robert Smith, che si è dichiarato loro fan fin dagli esordi e li ha scelti per aprire il concerto dei Cure a Dublino nel giugno del 2019, insieme ai RIDE (Ypsigrock 2017) e ai Twilight Sad. Heart Under (2022) è il secondo LP della band irlandese. Con questo lavoro più maturo sfuggono al semplice collocamento all’interno di un genere musicale, trovando la propria cifra stilistica.



I Plastic Mermaids sono un collettivo inglese originario dell’Isola di Wight e formato dai fratelli Jamie e Douglas Richards a cui si aggiungono Chris Newnham, Tom Farren e Chris Jones, che scrivono, compongono e arrangiano tutte le loro canzoni dal 2015. La loro creatività va oltre la performance, Jamie ha anche creato un pedale per effetti utilizzato da diversi artisti di fama internazionale come Bon Iver, Warpaint, Hot Chip e Bicep. Il loro album d’esordio Suddenly Everyone Explodes (2019) è pop giocoso con venature indie ed electro dove ad emergere è la forza creativa dei fratelli Richards che si mischia ad una ricerca visual espressa nella dimensione live. Anche se non amano essere etichettati, il sound del primo album vira, nel successivo LP It’s Not Comfortable to Grow (2022), in uno psych-rock elettronico che ha tra le sue band di riferimento The Flaming Lips, Arcade Fire e Sparklehorse. 


Viaggio a Castelbuono: Ypsigrock, Fiasconaro e non solo [FOTO]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.