Ricci Weekender 2022: arriva il gigante del clubbing europeo Antal


Dopo la maestosa apertura al Palazzo Biscari di Catania, il Ricci Weekender 2022 entra nel vivo: ai Mercati Generali approda Antal Heitlager.


Dopo l’inaugurazione a Palazzo Biscari a Catania, per la prima volta aperto alla musica elettronica, Ricci Weekender entra nel vivo, accompagnando il suo seguito di viaggiatori da ogni parte d’Europa e d’Italia – i weekender – alla scoperta del meglio di quest’angolo di Sicilia tra l’Etna e il mare, con la consueta ambizione di connettere musica indipendente e cucina contemporanea.

Il programma del 10 settembre del festival

Sabato 10 settembre allo storico circolo Mercati Generali approda al festival un gigante della club culture europea: Antal Heitlager, noto semplicemente come Antal, una delle figure centrali per la scena underground di Amsterdam. Appassionato di dischi, grande collezionista e dj dal gusto e dalla cultura musicale sopraffini, Antal ha contribuito alla crescita di un movimento che ha riscritto le gerarchie continentali della club culture, ponendo Amsterdam alla stregua delle ben più blasonate Berlino e Londra e creando uno stile unico che lega disco music, funk, house e ritmi afro e brasiliani. Frutto del genio creativo dell’artista è l’etichetta discografica Rush Hour da lui fondata, nella quale è confluito l’incredibile coacervo di idee e artisti brillanti che ha saputo fare da collante tra la capitale olandese, Chicago e Detroit.

Nella stessa sera il palco dei Mercati Generali presenta il fascino ammaliante di Rebecca Vasmant, musicista, produttrice e DJ di Glasgow a metà tra Matthew Halsall, Greg Foat Group, e Floating Points, il vibrante soul jazz della Secret Night Gang da Manchester, Domenico Niki  e Club84.

L’apertura è invece in programma nello splendido cortile del Castello Ursino, con Rbsn al secolo Alessandro Rebesani, compositore, produttore e musicista italo-americano che fonde jazz, cantautorato, folk ed elettronica. La sua pratica musicale, radicata nel jazz e nel suono, e sviluppata nell’esercizio di ricerca dell’armonia e dei modi in cui la musica sembra muovere la gravità, l’ha portato a collaborazioni di spessore come con la Tate Modern di Londra, con l’etichetta Tight Lines e con il format Sofar London.

Sul versante del food c’è molta attesa per l’arrivo a Ricci Weekender del cuoco inglese Ed Wilson, fondatore del ristorante “Brawn” sulla Columbia Road di Londra, appassionato di cucina siciliana, dei suoi prodotti e ingredienti che sceglie accuratamente per reinterpretare i piatti cult del suo celebre menù di bistronomia come l’anguilla affumicata, le rape accompagnate dalla “remoulade”, una specie di salsa tartara, le acciughe, scalogno e l’olio d’oliva, tra gli ingredienti della consueta cena con la speciale pizza del forno a legna dei Mercati Generali. Per l’occasione con Wilson c’è anche il cuoco italo egiziano Mitshel Ibrahim del ristorante Ombra di Hackney, dal 2011 una vera e propria istituzione della cucina italiana nell’Est End di Londra, famoso per la selezione di vini naturali e piatti da tutte le regioni di Italia.

Ricci Weekender si chiude domenica 11 settembre con il brunch domenicale in cantina che sin dalla prima edizione ha caratterizzato il programma del festival, quest’anno ospitato dalla Cantina Benanti, nell’ottocentesca tenuta di Viagrande alle pendici dell’Etna, e con i concerti nel giardino botanico di Radicepura a Giarre.

In copertina Napoli Segreta al Palazzo Biscari di Catania.


Ricci Weekender 2022: in Sicilia il festival internazionale di fine estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.