Castello di Schönbrunn: la più grande attrazione di Vienna [FOTO]


Il Castello di Schönbrunn è uno dei più importanti siti culturali d’Austria, sito patrimonio dell’Unesco, e una delle maggiori attrazioni di Vienna.


Alla fine del Seicento l’imperatore Leopoldo I commissionò all’architetto barocco Johann Bernhard Fischer von Erlach, formatosi a Roma, la costruzione di un castello di caccia imperiale per l’erede al trono, il futuro imperatore Giuseppe I. Al posto della dimora di campagna costruita nel 1642 per l’imperatrice Eleonora di Gonzaga, vedova dell’imperatore, sarebbe sorto nel corso del Settecento un grandioso edificio di rappresentanza.

Durante il regno di Maria Teresa alla metà del Settecento il Castello di Schönbrunn, residenza imperiale estiva, divenne lo sfarzoso palcoscenico della corte. Sin da quell’epoca il palazzo ha ospitato i più grandi statisti europei, e anche con l’avvento della Repubblica Schönbrunn è rimasto teatro d’incontri politici ai massimi livelli.

Schoenbrunn Vienna sala

Di proprietà degli Asburgo sin dai tempi di Massimiliano II, alla fine della monarchia nel 1918 il complesso formato dal palazzo e dal parco, un tempo patrimonio imperiale e pertanto appartenente all’erario di corte, divenne di proprietà della Repubblica d’Austria e fino al 1992 fu amministrato dall’ente Schlosshauptmannschaft Schönbrunn.

Nel 1992 è stata fondata la Schloss Schönbrunn Kultur- und BetriebsgesmbH, società con natura di soggetto di diritto privato controllata al 100% dalla Repubblica d’Austria. La missione aziendale consiste nella preservazione, fruizione e finanziamento: i fondi per la conservazione della dotazione storica del palazzo e dei monumenti nel parco, nonché per il risanamento dell’intero complesso formato dal castello e dal parco di Schönbrunn, devono essere realizzati in proprio dall’azienda.



Il Grand Tour al Castello di Schönbrunn: 40 racconti appassionanti di tre secoli di storia

Durante il percorso di visita Imperial Tour, che attraversa 22 sale, si va alla scoperta innanzitutto dell’appartamento di Francesco Giuseppe con le stanze private – dagli arredi sorprendentemente sobri – e dell’appartamento della sua celebre consorte Sissi. In seguito si potranno ammirare il lusso sfarzoso della Grande Galleria, il fascino orientale dei Gabinetti cinesi e la grandiosa Sala delle Cerimonie.

Schonbrunn Vienna sala asiatica salone sissi

Il percorso Grand Tour – quello da noi scelto – che conduce attraverso i raffinati ambienti dell’epoca di Maria Teresa, è una consistente integrazione del percorso Imperial Tour.

Le sale che si presentano al visitatore in tutto il loro sfarzo sono in gran parte arredate con cineserie ed elementi ornamentali provenienti dall’Estremo Oriente. Ne sono una testimonianza, dopo la Sala delle Cerimonie, il Salone cinese azzurro e la Stanza Vieux-Laque, che alla morte di Francesco Stefano I fu trasformata in sala commemorativa. Alla Stanza delle porcellane segue la sala che Maria Teresa aveva battezzato “Stanza Feketin”, che poco dopo la fine della monarchia prese il nome di Stanza del Milione per via dell’immenso pregio delle pannellature a boiserie di legno di rosa di cui è rivestita. Nel Salone degli Arazzi sono esposti i preziosi arazzi di Bruxelles. Questo percorso di visita è completato dalla cosiddetta Camera ricca, in cui è in mostra l’unico letto di parata della corte di Vienna che si sia conservato.



Schoenbrunn Vienna sala asiatica

Il parco

Intorno al 1779 il parco del palazzo fu aperto al pubblico, e sin da allora è divenuto un luogo di ricreazione molto amato dai viennesi e dal pubblico internazionale, oltre a rivestire un grande interesse dal punto di vista storico-artistico. Il parco del palazzo, si estende da est ad ovest per 1,2 km e da nord a sud per circa 1 km e apre tutti i giorni alle ore 6:30. La visita del parco è gratuita. L’ingresso è a pagamento per le attrazioni a parte come il Giardino del principe ereditario, il Giardino dell’Orangerie, il Labirinto, il Giardino zoologico di Schönbrunn, la Serra delle Palme e il Giardino del deserto.



Il Giardino del principe ereditario fu così chiamato quando al pianterreno del castello fu allestito l’Appartamento del principe ereditario Rodolfo. Vi si trovano magnifici parterre a broderie e preziosi esemplari della collezione di agrumi dell’Ente Federale austriaco dei Giardini.

Nel Giardino dell‘Orangerie a Schönbrunn potrai approfondire le tue conoscenze dell’architettura europea dei giardini. Lasciati ammaliare dal fascino delle pregiate piante esotiche come il melangolo, l’olivo e il mirto!

Il Labirinto e il Dedalo nel parco del Castello di Schönbrunn, fra le maggiori attrazioni del giardino barocco, sono uno spazio ludico dedicato al divertimento e al relax di grandi e piccini!

La Gloriette, che domina l’altura di Schönbrunn nel parco, è una delle attrazioni turistiche più amate di Vienna ed un soggetto fotografico molto ambito. Già ai primi dell’Ottocento la Gloriette era molto apprezzata come piattaforma panoramica e tuttora è possibile accedervi mediante una scalinata.

Schoenbrunn Vienna labirinto



Storia del Parco del Castello di Schönbrunn

La storia di Schönbrunn e delle fabbriche precedenti risale al Medioevo. L’intera tenuta veniva definita “Katterburg“ sin dagli inizi del Trecento, ed apparteneva ai domini feudali del convento di Klosterneuburg.

Oltre ad un mulino, ospitava anche una fattoria con produzione vinicola e coltivazione dei campi. Nei secoli seguenti figura menzione di vari affittuari della prospera tenuta, finché nel 1569 non divenne di proprietà dell’erario di corte con Massimiliano II.

Mentre i rifacimenti del castello e i suoi arredi si devono a Maria Teresa, fu suo marito Francesco Stefano I di Lorena, insieme all’entourage di artisti lorenesi di cui si circondava, a dedicarsi al nuovo impianto del giardino, che fu ampliato e articolato da un nuovo sistema di viali a stella, collegati da svariati punti panoramici e da diversi vialetti.

Nell’Ottocento i giardini esposti a ponente furono trasformati in un impianto all’inglese, come voleva la moda corrente.



Patrimonio dell’Unesco

Il Castello di Schönbrunn, uno dei più importanti siti culturali dell’Austria, è divenuto dagli anni Sessanta del Novecento una delle maggiori attrazioni di Vienna e attira folle immense di visitatori.

Nel dicembre del 1996, in occasione della XX conferenza del World Heritage Committee, il castello di Schönbrunn è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO. L’iscrizione nella World Heritage List, istituita nel 1972, conferma l’importanza mondiale del castello e dell’intero parco come “opera d’arte totale” del barocco.

Schoenbrunn Vienna panoramica


Belvedere di Vienna: il castello barocco “casa” di Klimt e non solo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.