Coronavirus Catania, allarme medico Policlinico: “Siamo al collasso”


Coronavirus Catania – Grido d’allarme da parte di un medico operante presso il Policlinico della città etnea: “A breve imploderemo”.


Coronavirus Catania – “Siamo al collasso”. Comincia così il post, che suona come un grido d’allarme, di Davide Campagna, medico operante presso il Policlinico della città etnea.

“Non so dove siano – continua il medico – i posti letto Covid tanto decantati dal nostro governatore perché qui manco l’ombra. Ambulanze incolonnate per ore, area Coronavirus satura costretta ad accettare oltre la propria capienza per il bene dei pazienti. A breve imploderemo”.

Il post si conclude con un invito: “Aiutateci ad aiutarvi: STATE A CASA. NON AMMALATEVI. FERMIAMOCI. ALTRIMENTI È LA FINE”.

Coronavirus, Catania in “zona arancione”: cosa si può fare e cosa no

Vediamo nel dettaglio cosa è consentito e cosa è vietato nella “zona arancione”:

  • Si può entrare o uscire dalla Regione, o dal comune? No, ci si può muovere soltanto per lavoro, salute, emergenze e per accompagnare i figli a scuola. Ed è vietato spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, tranne “comprovate esigenze”.
  • Torna l’autocertificazione: il modulo va compilato con le generalità e il motivo dello spostamento.
  • Posso attraversare una Regione in fascia arancione per andare in una Regione in fascia gialla? Sì, il transito sui territori “è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni”.
  • Si possono accompagnare i figli a scuola. Sono “consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza”, se è consentita.
  • Si può fare attività motoria purché all’interno del proprio comune e all’aperto. Palestre, piscine e centri sportivi sono chiusi.
  • Il rientro a casa è sempre consentito.
  • I negozi al dettaglio sono aperti, i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi. E “sono sospese le attività dei servizi di ristorazione” come bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie.
  • Si può ordinare cibo a domicilio fino alle 22 ed è possibile comprare anche cibo da asporto, che però non si può consumare sul posto.

Coronavirus Sicilia, superati i 20.000 positivi totali: i casi per provincia

 

4 pensieri riguardo “Coronavirus Catania, allarme medico Policlinico: “Siamo al collasso”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.