Niente “Natale nei vicoli” e “Ninnaredda” quest’anno a Mineo


A causa delle restrizioni dovute al Covid-19 quest’anno a Mineo sarà un Natale diverso. Nessuna manifestazione presepistica né la tanto amata “ninnaredda”.


Purtroppo, a causa delle restrizioni dovute al Covid-19 quest’anno a Mineo sarà un Natale diverso. Nessuna manifestazione presepistica né la tanto amata “Ninnaredda”. Lo comunica ufficialmente sui social il sindaco, Giuseppe Mistretta.


“Nessuno di voi ha chiesto in questi giorni se si faceva o meno il Natale a Mineo – dichiara il primo cittadino – perché tutti sappiamo che non è possibile e a noi piange il cuore, a me alla mia amministrazione, perché abbiamo fatto rivivere una manifestazione che in realtà era stata  lasciata nel dimenticatoio (“Natale nei vicoli” ndr).

Noi l’abbiamo ripresa – continua il sindaco – con tutta la nostra volontà e con il contributo indispensabile delle associazioni e volontari delle parrocchie, dei ragazzi musicisti della ‘Ninnaredda’, e soprattutto dei maestri presepisti. Quest’anno dobbiamo fermarci e prenderci una pausa, gioco forza.

Io sono convinto che ripartiremo più forti in questo momento abbiamo voluto semplicemente, come amministrazione, un Natale all’insegna della sobrietà ma con dei segnali che sono dei segnali cristiani: la natività in piazza che è segno di rinascita, di rinnovamento e segno di fede per noi cristiani e cattolici.

Natale a Mineo: si ferma anche la tradizionale “Ninnaredda”

“Anche la ‘Ninnaredda’ – afferma il sindaco – è proibita. Qualcuno mi ha domandato a riguardo, ma i ragazzi suonano gli strumenti a fiato, camminano assieme e quindi lo strumento a fiato senza mascherina è potenziale veicolo di infezione, soprattutto girando casa per casa. Troveremo però il modo per lasciare il segnale, magari la diffonderemo  in piazza con un filo diffusione musicale.

Questa è un altro dei segnali di quest’annata in cui vivremo un Natale con più spiritualità, meno apparenza e andando al cuore della tradizione. Cogliamo l’opportunità di un Natale diverso” conclude il sindaco.

Photo credits: Franco Marchese

Video credits: Pippo Gulizia


15 positivi a Mineo, anche 2 docenti del Ducezio: 26 ragazzi in quarantena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.