Aeroporti Sicilia: una società unica per gestire gli scali di Catania e Comiso


Primo passo per la creazione di una società unica per realizzare una concreta sinergia tra gli scali, valorizzando così i diversi territori in un’ottica di sviluppo economico e turistico.


Tecnicamente si chiama “fusione per incorporazione”, in pratica ci sarà una sola società che gestirà gli aeroporti di Catania e Comiso, ovvero quelli della Sicilia orientale. Inizia a prendere corpo il progetto che il governo Musumeci ha auspicato già 4 anni fa: creare in Sicilia solamente due società (una orientale e una occidentale) per la gestione dei sei scali dell’Isola: Palermo, Catania, Trapani, Comiso, Pantelleria e Lampedusa.

L’annuncio è stato fatto  dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, nel corso di una conferenza stampa al PalaRegione di Catania. All’incontro con i giornalisti, presenti anche gli amministratori delegati della Sac (società di gestione dell’aeroporto di Catania), Nico Torrisi, e della Soaco (che gestisce lo scalo di Comiso), Rosario Dibennardo, i sindaci di Catania, Salvo Pogliese, e di Comiso, Maria Rita Schembari e il presidente del Collegio dei questori dell’Ars, Giorgio Assenza.

“La strategia per gli aeroporti della Sicilia che il mio governo immagina – evidenzia Musumeci – richiede inevitabilmente una razionalizzazione dei costi, oltre al miglioramento dei servizi offerti dalle società che gestiscono gli aeroporti dell’Isola. Quello di oggi è il primo passo verso questo obiettivo: favorire la creazione di una società unica per realizzare una concreta sinergia tra gli scali, valorizzando così i diversi territori in un’ottica di sviluppo economico e turistico. Solo in questo modo si potrà affrontare il mercato, pesantemente danneggiato dalla crisi dovuta alla pandemia: in fondo l’unione fa la forza. Speriamo che l’esempio di oggi possa essere da stimolo alle società aeroportuali della Sicilia occidentale per un’iniziativa analoga in quegli scali”.

Aeroporti Sicilia: cosa significa unire gli scali di Catania e Comiso

“Oggi – prosegue Musumeci – presentiamo un atto di grande responsabilità, che abbiamo salutato con piacere insieme ai Comuni, perché la Sicilia ha bisogno di creare una rete, non solo dal punto vista della navigazione aerea, e quindi sul piano logistico, ma anche dal punto di vista societario, della razionalizzazione gestionale”.

Apprezzamento per l’iniziativa è stato espresso dai sindaci Pogliese e Schembari, che hanno dato atto della felice intuizione del governo regionale per arrivare finalmente a una semplificazione del sistema aeroportuale siciliano. “Questo risultato – dice il sindaco Pogliese dimostra che se riusciamo a mettere da parte il nostro individualismo possiamo raggiungere grandi traguardi, con tanti benefici. Un atteggiamento necessario anche su altri dossier, a partire dal distretto del Sud Est”.

“L’aeroporto di Comiso – continua Musumeci – ora diventa funzionale a quello di Catania, per le note vicende legate ai capricci del nostro vulcano, ma anche per una serie di accorgimenti che consentono di portare nell’area ragusana, una parte di utenza del Nisseno e dell’Agrigentino per decongestionare i due grandi aeroporti di Catania e Palermo, e dare vitalità agli altri scali minori, anche nell’ambito del movimento cargo e merci”.

“Finalmente – afferma l’amministratore delegato della Sac, Nico Torrisiè stata trovata una quadra per la fusione delle due società di gestione, grazie al supporto di tutti i soggetti interessati a questa operazione. Per noi è stato semplice: abbiamo, infatti, registrato una convergenza tra le indicazioni del presidente della Regione e la volontà dei nostri soci. Insomma, ci siamo trovati sullo stesso binario.

Quanto presentato oggi è per noi un passaggio fondamentale, che ci consente di completare quel percorso avviato con l’apertura dello scalo di Comiso che è stata una grande avventura e una grande impresa. Lo scalo ibleo è per il nostro territorio molto importante, e lo sarà ancora di più con l’apertura della Catania-Ragusa, anche perché ci permetterà di affrontare la crescita del numero di passeggeri. Nonostante la pandemia, infatti, nel 2021 Catania ha raggiunto oltre sei milioni di transiti, un numero molto simile a quello che ho trovato quando mi sono insediato e che, in tre anni, siamo riusciti a portare a oltre 10 milioni”.


In treno all’aeroporto di Catania: la fermata Fontanarossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.